Giovedì 26 gennaio abbiamo avuto il piacere di ospitare a Bolzano il navigatore e scrittore Franco Cascini  che ci presentato il suo ultimo libro L’Atlantico nel cuore redatto insieme a Serena Silvestri sua compagna e navigatrice.

Tanti gli intervenuti. La serata si è svolta con racconti e relativa proiezione di diapositive sulle due traversate Atlantiche effetuate. Dopodichè Franco si è reso a disposizione a rispondere al qualsiasi quesito posto dagli spettatori.
Come di consueto, dil tutto si è concluso con una ottima pizza e Lambrusco offerto dalla Sezione.

Abbiamo ricevuto una bella lettera da parte di Franco che ci fa piacere pubblicare. Leggi>>

 

Un istruttore e un’istruttrice del Centro Velico Caprera, due traversate atlantiche a vela, barche, attrezzature e tecniche di navigazione proprie degli anni Settanta.

Il libro L'Atlantico nel cuoreUn giornale di bordo accompagna la prima traversata raccontando luoghi, persone, vicende, vita di bordo, difficoltà e progressi: Francia, Baleari, Spagna, Gibilterra, Marocco, Canarie e poi l’oceano ad accogliere e ad accompagnare la barca nel suo andare “di là”. Ma sono specialmente le emozioni provate e il loro svolgersi nella mente e nel cuore degli autori a trasformare la crociera in un viaggio verso la libertà e la luce.

Una raccolta di storie vissute l’anno successivo durante la seconda traversata racconta immagini, paesaggi, esperienze ed emozioni che pervadono la vita dei naviganti in questa nuova avventura. L’Atlantico porta con sé il richiamo di grandi e liberi spazi, le immagini di orizzonti senza confini: gli autori lo hanno navigato non solo con la barca ma anche con il cuore.

Ora intendono dedicare ai lettori le immagini vissute e i sentimenti provati per portare l’Atlantico anche nei loro cuori.

Franco Cascini, è nato a Fiume e risiede nell’isola d’Elba. Ha svolto la professione di magistrato e ha operato, e tuttora opera, nella cooperazione internazionale compiendo missioni di aiuto umanitario in varie parti del mondo. Ha frequentato come allievo il Centro Velico Caprera nel 1971, ne è divenuto istruttore e ha condotto numerosi corsi di allievi prevalentemente in qualità di capo-turno. Ha navigato a lungo nel Mediterraneo e ha compiuto due traversate atlantiche nel ruolo di skipper. Ritiene la vela un momento magico in cui si lasciano le vie su cui corre ogni giorno la gente e spazi immensi appaiono negli occhi e nel cuore.

Serena Silvestri, medico di Trieste, ha operato in Africa e in Asia con Medici senza Frontiere e altre ONG come responsabile di progetti di sanità pubblica con funzioni anche direttive. È passata indenne tra una guerra e l’altra, forse grazie al suo buon karma. Ha scoperto nel 1970 il Centro Velico Caprera divenendone presto istruttrice, ha frequentato anche il Centro Nautico Glénans e ha insegnato vela in numerosi corsi di allievi ai quali amava dichiarare che “il mare è sempre in salita.”Ha attraversato due volte l’Atlantico insieme a Franco. Attualmente è medico di bordo e gira il mondo sulle navi a motore di Costa Crociere, ma sogna di farlo ancora con una piccola barca a vela.

Leggi locandina